Anna Fine - Lo diciamo a Liddy? Una commedia agra, Recensione di Silvia Cioni

I rapporti umani sono una bestia scivolosa per definizione, ma fra tutti i più scivolosi e ingannevoli sono quelli “stabili”, ormai definiti una volta per tutte, quando un gruppo di persone (di solito legate da stretti vincoli familiari) si dispone in una serie di ruoli e a quelli rimane inchiodato vita natural durante se non interviene qualche fattore esterno, e a volte perfino quando il fattore esterno interviene.

Così è per le quattro sorelle protagoniste di questa storia: Stella è la Casalinga, paciosa, tranquilla, assai meticolosa in tutte le questioni collegate all’economia domestica. Sposatissima, si capisce.

Heather è la Rampante, quella che ha fatto carriera: indaffaratissima donna d’affari, con le giornate organizzate al millimetro per riuscire a farci stare tutto, un po’ indifferente alle sfumature, se vogliamo dirla tutta, persino un po’ insensibile. Single, si capisce.

Liddy è la Piccola Di Casa: adorabilmente candida, impulsiva, irruenta. Forse un po’ infantile? Magari un po’ irresponsabile? Comunque deliziosa. Non si può non adorare Liddy, assolutamente. Sposata, divorziata d’impulso e adesso di nuovo in procinto di sposarsi.

E infine c’è Bridie, la Saggia, esperta del viver del mondo, immersa notte e giorno in un duro lavoro nei servizi sociali inglesi, attaccatissima alla famiglia, lei che ne vede sfasciarsi tante in modo doloroso quanto irreversibile. Saldamente sposata da più di vent’anni, si capisce, con un marito a tratti un po’ trascurato per il grande amore che dedica al lavoro e alle sue care sorelle.

L’equilibrio tra le quattro sorelle è solido e fortemente ritualizzato. I mariti, tutti i mariti, hanno impratao ad adattarvisi.

Ma ecco che una nube oscura si solleva sul nuovo, radioso matrimonio di Liddy ormai alle porte, e occorre decidere in fretta se è il caso di parlarne o no con la piccola di casa, la scapestrata, quella rimasta ancora un po’ bambina.

Il piccolo granello di sabbia si infila dunque in un meccanismo perfettamente stabile, perfettamente oliato e perfettamente conosciuto.

E improvvisamente tutto cambia...

 

Immagine in prima pagina
Tipo di attività