#andratuttobene

Cari Soci e Amici di Auser Ex Libris,

unendoci alle parole senza tempo, intense e significative, di Salvatore Quasimodo, vogliamo finalmente scrivervi, per dare voce al nostro lungo silenzio di questo duro periodo.

Come tutti voi, Ex Libris ha assistito attonita alla trasformazione delle nostre vite, in nome di una chiamata alle armi che si sta combattendo con la costanza, l’abnegazione, la forza di volontà, il rispetto delle regole.

Anche la nostra Associazione, come tutte quelle che animano il territorio in cui viviamo, fremeva in attesa di attuare le iniziative già programmate, mentre altre esistevano ancora solo nel pensiero di nostri Soci che ce le avevano proposte, con il consueto entusiasmo e la passione che ci unisce, attraverso le generazioni che compongono il multiforme scenario di Ex Libris.

C’era uno spettacolo teatrale, già pronto e ansioso di mostrare alla cittadinanza il talento e le capacità dei nostri giovani.

C’erano presentazioni di libri, c’erano serate in compagnia di cultori della letteratura italiana e straniera, c’erano momenti artistici, con giovani protagonisti in mostra, c’era un incontro in programma su Raffaello, di cui quest’anno ricorre il cinquecentenario della morte, c’erano passeggiate già programmate nel centro storico della nostra Firenze.

Questi e altri eventi erano già pronti per voi e per noi, nel corso della primavera.

Come spesso succede, la vita prende direzioni diverse e non previste.

Noi di Ex Libris rispondiamo così, chiedendovi di rispettare quanto ci viene prescritto, perché questo isolamento, insieme alle mancate occasioni, duri solo il tempo strettamente necessario.

Ricordiamoci che i nostri temporanei e limitati sacrifici, il nostro silenzio e le nostre rinunce significano, forse, la salvezza e la salute di tante persone intorno a noi, non solo -  ma anche - anziane e fragili.

Siamo tutti in campo, siamo tutti arruolati e il nostro contributo è davvero essenziale.

Se, con la sensibilità e la passione che ci contraddistingue, riusciremo a mostrare il meglio di noi anche in questo duro momento, ci ritroveremo presto, uniti e insieme, come abbiamo fatto dall’autunno del 2015 fino a oggi, a parlare di letteratura, d’arte, di bellezza, di storia, di scienza e, in una sola parola, di Cultura.

Il nostro contributo al periodo di stasi che stiamo trascorrendo?

Anche questa volta, possiamo essere insieme.

Chiunque voglia scrivere una pagina, un racconto, una poesia, una riflessione, una lettera aperta o qualsiasi altra produzione, è il benvenuto. Pubblicheremo e divulgheremo le vostre idee, che potranno formare un ideale serbatoio di forza e resilienza a cui attingere.

Se volete, indirizzate i vostri messaggi a

 exlibris.auser@gmail.com

Certo che ce la faremo, certo che l’Italia ne verrà fuori, dimostrerà di essere più forte di un virus temibile e inaspettato, sicuramente questa è la strada giusta, la stiamo già percorrendo e quindi non c’è dubbio: ripetiamo a noi stessi, come in un mantra potente, imbevuto di energia preziosa e benefica, #andratuttobene.

Tipo di attività
Data attività
Immagine in prima pagina
coronavirus